Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Tutto sul campionato NBA, il più importante del mondo
Rispondi
sds971
Messaggi: 60
Iscritto il: 31/05/2019, 23:41
Domanda di controllo 2: san antonio

Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da sds971 »

Gara 6

Suns at Bucks 98-105 (2-4)
Parziali: 16-29 / 31-13 / 30-35 / 21-28

Voti e giudizi

Phoenix Suns

Chris Paul: 7,5
– Più di 26 punti con 11/19 al tiro, 5 assist, un gioco da 3 punti nell’ultimo quarto assieme a un canestro in faccia a Giannis e aver tentato la tripla della disperazione, non gli si poteva onestamente chiedere. Intelligentemente Coach Williams lo dirotta in difesa su PJ Tucker in modo da tenerlo più riposato e funziona per parte della gara, quando i Suns riescono ad attaccare prima che la difesa dei Bucks si schieri. È lui l’anima dei suoi nel secondo quarto, portando la squadra sul +5 con due canestri consecutivi e poi serve un bell’assist a Ayton, mettendo in cascina 10 punti. E ancora a inizio ripresa infila due dei suoi canestri, in barba alla difesa questa volta poco efficace di Holiday. Chiude la serie con 21,8 punti, 8,2 assist e il 55% al tiro.
Media voti Finals: 6,8

Devin Booker: 4,5 – Non riesce mai a liberarsi dei raddoppi, perché Tucker sì gli ha dato fastidio ma non poi così tanto, ed è inseguito ovunque sul parquet. Tira male – 8/22 e 0/7 da 3 – serve 5 assist ma sono soprattutto i suoi punti quelli che mancano ai Suns. Sembra ricordarsi la rubata di Holiday di fine gara 5 quando più volte esegue il suo classico movimento entrando in area per fare l’arresto ma scarica sempre fuori, e talvolta anche male. Resta in campo per 46 minuti, perché fino all’ultimo poteva esserci un suo colpo di coda per pareggiare la serie. Mette in entrata i due punti del -6 a poco meno di 2’ dal termine, ma ormai il titolo era già nella bacheca dei Bucks. Mette a referto una serie da 28,2 punti – con quasi 24 tiri a partita – 4 rimbalzi e il 27% al tiro da 3.
Media voti Finals: 6,8

Mikal Bridges: 6 – Coach Williams lo sposta in marcatura su Holiday e gli mette una gran museruola, facendogli sbagliare tantissimi tiri e rendendogli la vita veramente difficile. Si prende anche una bella iniziativa a inizio gara e mette due bei punti e poi inchioda una bella stoppata, sempre su Holiday. Inizia bene anche il secondo quarto con un bel canestro. Ma nei momenti cruciali dell’ultimo quarto sparisce di nuovo, portando a casa solo 7 punti con 3/7 da 2, 6 rimbalzi e due recuperi. 12 punti alle Finals di media, con 4,2 rimbalzi e quasi il 43% da tre.
Media voti Finals: 6,3

Jae Crowder: 7 – Oltre a essere un fantastico collante per la difesa – 13 rimbalzi di cui 11 sotto le sue plance- e infilare due triple – anche se su 9 tentativi – il figlio di Corey dimostra di essere notevolmente cresciuto rispetto alle Finals dell’anno scorso con gli Heat, prendendosi responsabilità e tiri fuori dal suo range abituale – segnando 15 punti - costretto da un Booker asfittico e un Bridges poco prolifico. Sul greco è impossibile difendere, ma quando gli tocca il suo corpo e le sue braccia tese le mette sempre. Recupera ben 4 palloni e dà una stoppata. Nel terzo quarto infila un gioco da 4 punti, sembra sia sempre lui a raddoppiare chiunque dei Bucks e chiude le sue finali con un canestro da due pazzesco, un rimbalzo offensivo figlio della voglia di non mollare mai e 2/2 ai liberi a poco più di 1’ dal termine. 11,4 punti di media, 6,8 rimbalzi, il 37% da 3 e in assoluto il giocatore più continuo dei Suns.
Media voti Finals: 7,7

Deandre Ayton: 4 – Gli tocca, in difesa, il solito impossibile compito di limitare il greco, ma questa volta lo fa proprio male, senza nerbo, energia e stranamente commettendo anche parecchi errori tecnici. Mette a segno 12 punti con 4/12 e tira giù la miseria di 6 rimbalzi, avendo anche problemi di falli. Questa volta soffre anche la marcatura di Lopez, che gli ruba una facile palla a inizio gara. Stoppa due volte Holiday nella seconda frazione. Forse nemmeno aiutato dallo sviluppo della partita e della gestione del gioco, ma ha fatto nascere il dubbio che possa essere mentalmente un po' fragile, anche se è ancora molto giovane. Doppia doppia di media – 12,7 punti e 12 rimbalzi a gara – anche con 1,5 stoppate, il 535 al tiro e un fenomenale 91% ai liberi.
Media voti Finals: 6,3

Cameron Payne: 7 – 10 elettrizzanti minuti – e forse Coach Williams avrebbe potuto tenerlo in campo un po' di più al posto di Booker – in cui prende in mano l’attacco dei Suns a fine primo quarto infilando due triple consecutive e poi un canestro da due. Prosegue a inizio seconda frazione con un’entrata delle sue e un altro bel canestro, per 10 punti e 4/6 al tiro. In poco più di 15 minuti di utilizzo infila 7,3 punti e 2,5 rimbalzi.
Media voti Finals: 6,3

Cam Johnson: 5 – 3 punti con 1/5 al tiro e una gara molto in ombra, nonostante non venga mai schierato al posto di Ayton e quindi abbia giocato nel suo ruolo naturale. Forse ha solo bisogno di acquisire esperienza, anche se le prime 4 partite della serie erano state positive. In poco più di 22 minuti mette a segno 8,5 punti con il 43,5% da 3 e prende 3,2 rimbalzi.
Media voti Finals: 6,3

Frank Kaminsky: 7 – I Suns girano meglio con lui in campo che con Ayton, per gli 11 minuti in cui è impiegato, e mette a segno 6 punti con 3 su 4, 2 rimbalzi, 1 assist e una recuperata.

Torrey Craig: sv –Solo 1 minuto in campo, Coach Williams questa volta gli preferisce, giustamente, Kaminsky. Chiude le Finals mettendosi comunque l’anello al dito, avendo giocato nella prima parte della stagione proprio con i Bucks. 12 minuti n campo di media con 4 punti e quasi 3 rimbalzi.
Media voti Finals: 6,0




Coach Williams: 5,5 – Per i complimenti rivolti agli avversari andando nel loro spogliatoio merita 10 senza altri discorsi, ma in campo purtroppo queste Finals le ha perse, non riuscendo probabilmente a far viaggiare la palla come accaduto nelle prime due gare in casa. È anche vero che, parte CP3 e Crowder, tutti gli altri sono tutti giocatori alla prima esperienza nei playoff, e questo in una serie così lunga alla fine lo paghi. Cambia in difesa dove manda Bridges su Holiday, mossa che forse poteva essere intuita prima, data l’efficacia; in attacco non riesce ad accendere Ayton, che si perde, forse anche mortificato dalle devastanti entrate di Antetokounmpo. È efficace a tratti, sia in difesa che in attacco, strappando la possibilità di giocarsela in gara 7 quasi fino alla fine: la perde però a rimbalzo – 53 a 37 per i Bucks – e per un pessimo 6/27 da 3. Che abbia creato una cultura sportiva in Arizona è sicuro, arrivando fin troppo presto in finale, ma con il roster a disposizione il tempo è suo alleato. Cercando più i meriti che i demeriti, si può tranquillamente dire che l’ha più vinta Budenholzer che persa Monty.
Media voti Finals: 6,4



Milwaukee Bucks

Jrue Holiday: 6
– Non esce praticamente mai dal campo e sfiora la tripla doppia con 12 punti, 9 rimbalzi e 11 assist, con 4 rubate – e 3 perse. In attacco tira malissimo – 4/19 – dimostrando di soffrire tantissimo Bridges. In difesa stranamente non riesce a limitare CP3, ma quando finisce su Booker lo cancella dal campo. Che fosse il tassello che mancava ai Bucks era molto evidente, e la dimostrazione si è vista anche in questa gara 6 in cui non ha brillato ma ha portato tantissima acqua al suo mulino. Serie da quasi 42 minuti a partita, 16,7 punti e 9,3 assist, con anche 6,2 rimbalzi, 2,2 rubate a partita e quasi il 92% ai liberi.
Media voti Finals: 6,8

Khris Middleton: 6 – Inizia con una brutta persa ma rimedia con 5 punti consecutivi, ma traccheggia per i due quarti seguenti, prendendosi solo 9 tiri. Fa un buon lavoro in difesa anche se non sembra il vero Middleton, soprattutto quando perde palla non pressato a inizio ultimo quarto. Poi tira fuori dal suo cilindro uno dei suoi canestri a -4’ per il +6 Bucks, ma butta via un’altra palla a -1’ e 33” dal termine. Forza e segna il nuovo +6 a meno di un minuto dalla fine e infila i due liberi del +8 poco dopo, per 17 punti totali, 5 rimbalzi e altrettanti assist e 4 rubate. Termina delle bellissime Finals con 24 punti di media, 6,3 rimbalzi, 5,3 assist e il 495 al tiro – e l’89% ai liberi.
Media voti Finals: 6,9

Giannis Antetokounmpo: 10 (MVP) – Consacrazione come uno dei più grandi giocatori dei nostri tempi, un freak dalla potenza, velocità, tecnica e aggressività smisurate. Inizia con una stoppata su Bridges e 2 punti al ferro, e poi in entrata e ancora al ferro, chiudendo il primo quarto con 9 punti e 5 rimbalzi. Il suo show prosegue terminando il primo tempo con 17 punti e 2 stoppate ed era già in proiezione un’ottima partita. Poi dei 35 punti dei Bucks nel terzo quarto ilo greco ne mette 20: gioco da 3 punti contro Ayton, una tripla, in entrata su Crowder, 2/2 ai liberi, ancora da fuori e una difesa delle sue ancora su Ayton. Ma non è finita, perché la sua furia si abbatte anche su Booker, stoppandolo in entrata e poi ancora due azioni dopo. Mette poi due punti pazzeschi per il +8 a poco più di 2’ dal termine e mette 1 libero su 2 a -9” che chiudono le Finals. Se i 50 punti stampati in faccia ai Suns – sui 105 di tutta la squadra – sono qualcosa di mostruoso, quello che ha fatto in difesa lo è altrettanto, annichilendo Ayton, tirando giù 10 rimbalzi sotto il suo tabellone (più 4 in attacco) e occupando l’area e facendo girare al largo Booker e compagnia. Anche 2 assist, un incredibile 17/19 ai liberi e 5 stoppate in questa gara 6 da sogno – ed era esattamente ciò di cui i Bucks avevano bisogno, vista l’incertezza di Middleton e di Holiday. Serie da fantascienza con 35,2 punti a partita in 40’ di impiego, 13,2 rimbalzi, 5 assist, il 62% al tiro e 1,8 stoppate. MVP assoluto, globale, totale.
Media voti Finals: 8,7

PJ Tucker: 6 – Come sempre i numeri – 0 punti e 6 rimbalzi – dicono poco del lavoro sul parquet da parte dell’ex giocatore dei Rockets, anche se forse un po' più di pericolosità dagli angoli non sarebbe stata male. Si incolla come sempre su Booker ma questa volta si fa aiutare anche da Lopez, soprattutto quando il numero 1 dei Suns arriva a centro area, e funziona molto bene. 31 minuti a partita sul parquet con 4 punti e 3,8 rimbalzi.
Media voti Finals: 5,8

Brook Lopez: 7 – La sua miglior partita della serie (10 punti e 8 rimbalzi) soprattutto in difesa – inizia subito con una rubata ad Ayton. Nel terzo quarto costringe Booker a una persa e poi effettua due bellissimi tagli in area consecutivi per 4 punti. Chiude le Finals con 11,5 punti a partita in poco meno di 25’, a cui aggiunge 5,3 rimbalzi e un inusuale 24% da 3.
Media voti Finals: 6,0

Pat Connaughton: 4 – Partita da incubo in attacco, 0 punti con 0/4 da 3 e 0/2 ai liberi. Buoni come sempre gli 8 rimbalzi totali, ma in difesa è come sempre un colabrodo: CP3 lo attacca in entrata con successo nel secondo quarto, poi Booker fa un gioco da 3 punti causa una sua brutta posizione difensiva e chiunque se lo trovi davanti lo attacca, con successo, in uno contro uno. 9,2 punti e 5,8 rimbalzi in 30’ di impiego a partita con il 44,1% da 3.
Media voti Finals: 6,0

Bobby Portis: 7,5 – 16 punti 6/10 al tiro con 2/5 da 3, 1 stoppata e 3 rimbalzi per un’ottima gara 6, sporcata solamente dal giusto tecnico per proteste plateali. Si fa notare anche per due perfette difese nel terzo quarto su Cam Johnson e su Payne. Mette 6 fondamentali punti nell’ultimo quarto. 7,7 punti di media e 4 rimbalzi nelle Finals.
Media voti Finals: 6,5

Jeff Teague: sv – Solo due minuti in campo. 9’ in campo per gara con 1,5 punti.
Media voti Finals: 5,1




Coach Budenholzer: 7,5 – Mantiene, e a ragione, il game plan di gara 5, solo che i suoi sentono l’importanza della gara inizialmente, segnando 6 punti nei primi 5 minuti e 7 perse nel primo quarto, che comunque chiude sopra di 13 punti. Il secondo quarto inizia con 1/11 al tiro, soprattutto figlio delle brutte prove in attacco sia di Middleton che di Holiday. Ma Budenholzer ha il greco, che ha imparato, molto probabilmente grazie al coaching staff, che se attacca senza fare isolamenti insistiti con la palla stagnante e senza tirare da 3, diventa devastante. E così è. Vince un titolo che non era così scontato, anzi, sotto una grande pressione già dall’anno scorso dopo l’eliminazione per mano degli Heat. È bravo a capire come far giocare Giannis, finalmente, e questo gli dà la chiave per la vittoria. L’impostazione difensiva è sempre stata valida, ma da gara 3 è diventata decisiva. Va poi sottolineato che sei è portato a casa l’anello dopo essere stato sotto 0-2 con dei Suns favolosi che avevano sbriciolato i Bucks. Bravo, complimenti.
Media voti Finals: 7,0




Arbitri

Scott “Clark Kent” Foster (n. 48 – bianco): 8,5
– Ottima direzione di gara, con fischi decisi, personalità, accettando anche qualche errore – che c’è stato – ma facendo sentire ai giocatori che gli arbitri erano lì per permettere loro di giocarsela. Poche chiamate a inizio gara e tutte perfette, sbaglia solo quando non vede il fallo su CP3 per un gioco potenziale da 3 punti. Per il resto è perfetto, anche nel dialogo con i giocatori, e con quello che c’era in palio non era semplice. Ancora il migliore della pista.

Tony Brothers (n. 25 – nero bello grosso): 7,5 – Fischia meno dei colleghi ma sempre bene, anche se con qualche imprecisione, non influente sul risultato finale: a inizio gara gli sfugge il contatto da parte di Lopez sul braccio di Ayton per un gioco da 3 punti, poi invece di lasciar correre dà fallo a Middleton, ma al massimo era Ayton ad aver agganciato il braccio dell’avversario.

Eric Lewis (n. 42 – nero fisico asciutto): 8 – Si prende più fischi rispetto ai colleghi, tutti giusti, ma un paio quasi pestando i piedi a Foster: chiama giustamente i passi ad Antetokounmpo a inizio secondo quarto, anche se era completamente solo, e convalida giustamente il canestro di Booker su fallo di Connaughton perché il greco stoppa la palla che ha già toccato il tabellone, e non era affatto facile vederla.
Avatar utente
boole
Messaggi: 3549
Iscritto il: 06/10/2011, 1:19

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da boole »

Al di là dell'essere d'accordo o meno o di aver personalmente aggiunto o tolto mezzi voti, un plauso per il lavoro imponente che fai
Lumen
Messaggi: 882
Iscritto il: 25/12/2015, 20:17
Domanda di controllo 2: la lakers

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da Lumen »

boole ha scritto:Al di là dell'essere d'accordo o meno o di aver personalmente aggiunto o tolto mezzi voti, un plauso per il lavoro imponente che fai
Condivido: gran lavoro e ottimi risultati. ;)
lazyboy
Messaggi: 1555
Iscritto il: 06/10/2011, 19:16

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da lazyboy »

Soprattutto sugli arbitri aggiungo.

Cmq avrei bastonato di più Bridges. Booker era chiaro che non ne avesse altri 30/40 in faretra.
MWP
Messaggi: 5061
Iscritto il: 27/01/2013, 13:45
Domanda di controllo 2: san antonio

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da MWP »

Grande sds, al prossimo anno!
sds971
Messaggi: 60
Iscritto il: 31/05/2019, 23:41
Domanda di controllo 2: san antonio

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da sds971 »

boole ha scritto:Al di là dell'essere d'accordo o meno o di aver personalmente aggiunto o tolto mezzi voti, un plauso per il lavoro imponente che fai
Grazie, è un divertimento e allo stesso tempo un'attività impegnativa :yo:
sds971
Messaggi: 60
Iscritto il: 31/05/2019, 23:41
Domanda di controllo 2: san antonio

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da sds971 »

Lumen ha scritto:
boole ha scritto:Al di là dell'essere d'accordo o meno o di aver personalmente aggiunto o tolto mezzi voti, un plauso per il lavoro imponente che fai
Condivido: gran lavoro e ottimi risultati. ;)
Grazie : Yahooo :
sds971
Messaggi: 60
Iscritto il: 31/05/2019, 23:41
Domanda di controllo 2: san antonio

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da sds971 »

lazyboy ha scritto:Soprattutto sugli arbitri aggiungo.

Cmq avrei bastonato di più Bridges. Booker era chiaro che non ne avesse altri 30/40 in faretra.
Può essere - riguardo a Bridges - si è salvato nella mia valutazione per aver marcato molto bene Holiday. Per Booker gli hanno costruito una gabbia attorno e se i vari Ayton, Bridges e Cam Johnson non mettono punti a referto, allora diventa dura
sds971
Messaggi: 60
Iscritto il: 31/05/2019, 23:41
Domanda di controllo 2: san antonio

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da sds971 »

MWP ha scritto:Grande sds, al prossimo anno!
Grazie! :ciao:
Avatar utente
vermi
Messaggi: 5372
Iscritto il: 06/10/2011, 20:37

Re: Pagelle Finals Nba 2021 - Gara 6

Messaggio da vermi »

sds971 ha scritto:
lazyboy ha scritto:Soprattutto sugli arbitri aggiungo.

Cmq avrei bastonato di più Bridges. Booker era chiaro che non ne avesse altri 30/40 in faretra.
Può essere - riguardo a Bridges - si è salvato nella mia valutazione per aver marcato molto bene Holiday. Per Booker gli hanno costruito una gabbia attorno e se i vari Ayton, Bridges e Cam Johnson non mettono punti a referto, allora diventa dura
Si ma Bridges deve pure essere coinvolto...
E' arrivato il piccolo Vermozzo. Amedeo saluta tutto il forum.

Anche Vermi senior saluta tutto il forum visto che non sta dormendo da n giorni
Rispondi